Logo FederCasalinghe
Lauretta Serafini, Presidente Regionale

Benvenuta!

Sei una donna a capo di quell'impresa che è la famiglia? Sei consapevole delle potenzialità del tuo ruolo nella società di oggi e in quella di domani? SEI NEL POSTO GIUSTO. Visitando il nostro sito avrai l'opportunità di conoscere i molteplici aspetti della vita dell'Associazione e di condividerne gli scopi. Sono certa che ti possa interessare e che tu possa trovare lo spazio adeguato alle tue esigenze.

Lauretta Serafini, Presidente Regionale

Insieme per contare di più

Contattaci!

Obiettivo Famiglia - FederCasalinghe
Via Brigata Re, 29
c/o Ex Caserma Osoppo, 1° piano, stanza 14
33100 Udine (UD)

Tel/Fax 0432-485107 – Cell. 347-2640472
e-mail: federcasalingheudine@gmail.com
PEC: o.f.federcasalinghe@legalmail.it
Cod. Fiscale 91005030308
Orari sede: Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì ore 9.00 - 13.00

INIZIATIVE

[testo in italiano] [testo in friulano]

I FURLANS E LA FEMINE

Lucia Vacchiano

Si a sipri sintut a di, des nestris bandis: "une brave femine e ten su tre cjantons de cjase". Chest, par plui al è ver, ma trop isal just? Par chel che je la me esperienze a son tantis feminis che veramentri a son stadis il plui grant supuart de famee, parcè che parsore du lor si discjariavin ducj i pinsirs e li rognis che al compuartave il tirâ indenant la cjase. Chest massime se l'omp al jere a vore vie pal mant, o se al jere muart, ma ancje se al jere a cjase, par une idee za aromai incancrenide che e stabilive che la femine e veve di pensa a es robis di cjasa: vidi dai fruts e dai viei, regolâ lis bestiis, tignî a puest l'ort e da une man tal cjamp, tal bosc, tal prat. Par chel che po si intignive ai afars fur di cjase, e veve di a in comu par cjartis, e cussì in canoniche, a nota i fruts a scuole, la dal miedi par dute la famee, la in spezierie a par dut la che al coventave rompisi il cjâf: save fa un poc di conts a voli, save di lis robis cui soretants, capi se si veve da fa cun int oneste o cun missetis, imbroions cence ni re ni ream che no mancjavin nancje in che volte che a fasevin di dut par giava piel e ciâr ae puare jnt, spelante fin sul vues.

Rars tant che lis moscjis blacjis a ierin i omps che, ancje podint si cjapavin su i pês di chestis strussiis, cu la scuse che lis feminis a vevin plui batule, o che a savevin fa miôr, o che a vevin secont lôr, plui timp di cori ator, di fa la code e vie indevant. Sore di dut chest, par solit, stant che cuasi simpri e vivevin in famee cun missers, madonis e cugnadis, in cjase e varessin vût di tasê, lavora e parfin mangjâ chel bocon su la bancje, in bande cui fruts, parcé che ator e taule a vevin di sta i omps, servits e riverits, e lis feminis li no parevin bon e i fruts a e intrigavin.

Cumò, cjalantmi ator o pensant a ce che o vjot e o sint, mi domandi: " in dì di vuè cemut ise par vie di ce che si diseve prin? Ise compagne la minestre, ise mudade in mior o in pies?" Secont mè cumo la musiche e sune cussì: fra i viei, mi par che a son ancjemo lis feminis che a san tignj dûr, par vie che si son tignudis simpri in moto, par falu te vite, che a an vut plui sens de misure in tes robis e che forsit te fede in Crist, che al a mostrât e insegnat a ducj cemut e trop che une vite e à di jessi tirade indenant cun sacrifici, par vê merit, a àn cjatade dute cheste farce.

I oms, che Diu mal perdoni se o pecji a dîlu mi par che par plui a van in vacje prin, seiel parcè che a àn vude une vite fruiate dal lavor sot paron, des vueris, dai strapaçs, dal mangjâ poc e mal, e fur di cjjase vie pal mont; seial parcé che, propite par colpe di chel mut di vivi, si sbrocavin quant che a podevi, a parâ vie i pinsîrs e li rabiis a son di taiuts (e ancje cumo a àn simpri sêt, ben si intint, no di aghe).

Boletin parochiâl - dicembar 1963

L'UNIVERSITÂT DES FEDERCASALINGHIS

Une gnove ativitât e à cjapât pit a Dartigne par iniziative de associazion des federcasalighis, presiedudea livel regjonâl, di Lauretta Serafini che e à podut falu cu la colaborazion dal Conun. Si trate dai cors de Universitât de tierce etat che si son inviats dal vincjesiet di Fevrar intal centri sociâl cu la scuele di "decoupage" frecuentade bielzà dal numar massim di aprendistis istruidis de brave siore Marina Forte. A chest al è seguit un altri che al à come argoment "Raccontare e raccontarsi" puartât indevant de prof. Letizia Donnini; ancje chest unnnn grum interessant par vie che al judarà lis personis a contâ la proprie storie, simpri gnove e diverse. Daspò un tierç grup, animat dal restauradôr di mobili Silvio Liva al varà arlêfs sie mascjos che feminis che frecuentaran lis lezions diretamentri intal laboratori dal artist. Un cuart cors al è fat par imparà i elements di font che al covente cognossi par podé doprà il computer. Al insegnarà il mestri Roberto Serafini, insegnant de scuole primarie di Dartigne, che al istruirà i arlêfs inte aule scolastiche dotade di tancj computer e metude a disposizion dal Comun.

Lis lezions a saran fatis dutis il daspomisdì, orari che pes federcasalinghis al è ideal par pode rezi cjase e famee e dedicà un poc di timp a culchi ativitât che plâs e che da sodisfazion. O pensi che ancje cheste e sedi stade une buine idee par da la pussibilitat di partecipa a tantis personis in pais, cence scugni la ator cun machinis e corieris. O auguri a ducj bon lavor sperant che, in curt, nus fasin viodi ce che a àn imparat e ce tantis robis bielis che a varan savût fa.

Nô o seguirin cun atenzion dutis lis iniziativis e, se al sarà pussibil, o proponarin altris argoments di interes comun ancje pal an che al ven, considerant dut chest lavôr opare di promozion umane e di valorizazion des risorses personâls di tante de nestre brave int.

MAJAN, 5 E 6 MÂRZ 2005

Biele la mostre a Majan!. Come che o soi entrade inte sale la sabide o ai vude une bielissime impression: un ambient grant, acoglient, luminos, che a che ore al bateve dentri ancje il soreli dal dopomisdì cu la sô lûs intense e cjalde (la lus che ben si intint).

Naturalmentri o ai esprimût a vos alte la me marivee ancje parvie che al jere stat fat un lavoron di alestiment dai "stends" in zal e in blanc cuntune slavinade di robis bielis metudis ben in viste che ti jemplavin i voi e a davin gjonde al cur!. Cussì j ai fat onor ancje al Comun e ae siore assessore Mariella che si ere tant dade da fâ par predisponi ben lis robis par che dut al diventas pal miôr.

Cussì ancje la inaugarazion, cun tant di "taglio del nastro"

Articolo di Lucia Vacchiano

Home | Chi siamo | Comunicazioni | Iniziative | Servizi | Articoli | Convenzioni | Iscriversi